Droni, ora il regolamento europeo è davvero legge


Si ragazzi, ora il regolamento europeo sui droni è davvero legge.

e a questo punto ENAC dovrà adattare le sue regole a quelle della comunità europea!

Premetto che attualmente le novità importanti da parte di ENAC non ci sono, e siamo in attesa imminente di quelle per capire cosa potremo e non potremo fare con i nostri droni nei cieli italiani…

Di fatto, adesso con il Regolamento europeo diventato legge, è inevitabile  la sua attuazione totale per gli stati membri europei.

Certamente come potete capire, e trovate nel mio canale Youtube alcuni video al riguardo, ancora non è in vigore e questo per una ragione ovvia in quanto mancano le regole attuative in via comunitaria.

C’è chi dice che le cose cambieranno in meglio, chi è drastico, e chi dice il contrario…

Come detto e ridetto nei mesi scorsi,  Enac è tenuta a rimodulare il proprio regolamento per i droni proprio sulla base di questa normativa europea.

 

Il Regolamento (UE) 1139/2018 come sappiamo è entrato in vigore lo scorso 11 settembre  e ci sono novità normative enormi, perchè va a sostituire il Regolamento 216/2018 che prevedeva, per i sistemi aeromobili a pilotaggio remoto, una piena autonomia decisionale per ogni stato membro europeo, questo ovviamente per droni con peso massimo al decollo inferiore ai 150kg.

E’ importante evidenziare che il Regolamento Europeo è a tutti gli effetti una norma equivalente ad una legge, e si applica in modo diretto  in tutto il territorio dell’Unione Europea.

Tuttavia anche se direttamente applicabile, questo Regolamento ha necessariamente bisogno di regole attuative, che saranno emanate entro fine anno o al massimo nei primi mesi del 2019

Ma cosa dovranno fornire queste norme?

Indicheranno i limiti di altezza e distanza massima rispetto al pilota, sarà  prevista un marcatura CE obbligatoria, ci sarà una certificazione in base al rischio e molto altro….

Pertanto ogni Stato membro non può in parole povere fare ciò che meglio crede ma deve adesso adottare provvedimenti interni volti a limitare l’applicazione delle norme di questo regolamento, e lo deve fare in modo competo sulla base delle linee indicate dall’Unione Europea appunto.

Ogni nazione dovrà  tener conto del Regolamento quando andrà ad emanare la propria normativa interna e dovranno essere modificate le disposizioni  che sono incompatibili.

Dunque aspettiamoci a stretto giro che ogni paese, italia compresa, esca con le proprie disposizioni, che speriamo siano permissive e non repressive per noi che amiamo il mondo dei droni…

 

Rimanete in campana, appena ci saranno novità importanti le troverete sul mio blog

Datemi un bel like sul mio video e iscrivetevi!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: