Attualità

CORONAVIRUS: NIENTE PANICO! rispettiamo le indicazioni…

Benvenuti o bentornati nel mio blog sono stato molto incerto su fare o non fare questo mio articolo e ma poi mi sono detto perchè no? mi piace anche trasmettere le mie sensazioni i miei stati d’animo e la situazione in Italia per il Coronavirus preoccupa e non poco… e dunque un articolo off-topic ci sta e ve lo trasmetto..
Io non sono nessuno.. ho un piccolo blog dove si parla di teconologia e droni ma mi sembrava giusto.. parlare di questo argomento.. che è di totale attualità.. ed è l’argomento sul quale in questi giorni parliamo continuamente.. purtroppo… io lo farò semplicemente basandomi su dati reali che ho raccolto, ma anche su un articolo molto semplice che ho letto su un sito web “Focus Junior..” per ragazzi.. pensate voi, si perchè proprio loro insieme alle persone più anziane sono quelle che più temono questa situazione davvero difficile che viviamo in Italia in questi giorni.
Vorrei trasmettere se possibile serenità raccontandovi alcune cose VERE che ho approfondito e che ora spero di farvi piacere a condividerle con voi!


Avevo fatto un video sul mio canale youtube, 3 settimane fa dove ironizzavo sui pachi che arrivavano dalla cina… e nel quale vi spiegavo chiaramente che un pacco che arriva dalla cina non crea nessun tipo di problema per la trasmissione del COVID 19 o più comunemente chiamato coronavirus.. e questo è stato pienamente comprovato perchè lo stesso ministero della salute nelle 10 regole da seguire, emanate qualche giorno fa l’ha scritto direttamente e chiaramente al punto 8 quanto io avevo raccontato nel canale.



Un simpaticone in questi giorni ha fatto anche un commento a fava dove
1) non ha visto il video perchè ha detto delle cazzate
2) mi ha fatto capire che, come molti, non hanno compreso esattamente quale sia la situazione reale delle cose… e sto parlando del nostro paese…

Come vi dicevo nell’introduzione.. ho sentito l’esigenza di condividere con voi questo argomento, senza ombra di dubbio delicato…

Chi mi segue e mi conosce, sa che sono una persona seria, spesso mi diverto a fare il burlone, ma oggi un argomento serio e di totale attualità e come premesso credo sia giusto dopo che mi sono fatto una serie di domande e mi sia andato a cercare le risposte le condivida con voi.. sperando di trasmettervi quello che sono riuscito ad approfondire… e farvi un pizzico di chiarezza.. su un argomento davvero delicato..

Vi racconterò dei miei dubbi, che sono sicuramente la maggior parte anche dei vostri, dubbi.. che ho raccolto sulla rete leggendo articoli interessanti, ho ascoltato soprattutto medici virologi, in TV e anche su web, perchè sono proprio loro che possono darci la reale portata di questo virus che sta invadendo anche il nostro paese.
Ovvio non sappiamo con certezza, se quello che ci dicono è da prendere per oro colato… ma visto che molti di questi specialisti trattano l’argomento con la stessa linea.. penso che sia giusto credere a tutti loro.. anche se qualcuno ha espresso pareri discordanti e ve lo racconterò…

Come vi dicevo mi ha colpito questo articolo dove il virologo Fabrizio Pregliasco spiega proprio ai bambini cosa sia e come funziona.. il coronavirus e lo fa rispondendo a banali domande.. che poi alla fine sono quelle che ci facciamo tutti non solo i bambini…

È indubbio e scontato che queste notizie ci portino preoccupazione sia per la nostra salute e quella per i nostri cari, ma quello che è fondamentale in questi momenti e situazioni, è non farsi prendere dal panico e essere il più razionali possibile, lo so che non è facile, anche perché leggo pareri di virologi discordanti tra di loro su quanto sta accadendo come vi avevo appena detto.

Il virologo Roberto Burioni, ha, come molti di voi avrete sentito, fatto delle dichiarazioni interessanti, come esempio, che la pericolosità del COVID 19 è proprio la «contagiosità degli asintomatici» in parole povere si trasmette da persona a persona anche quando chi è infetto non ha ancora sviluppato nessun sintomo della malattia ed è proprio questo il guaio maggiore..

Ha poi dichiarato come hanno fatto altri suoi colleghi che il vaccino arriverà.. e ci stanno già lavorando in tutto il mondo, sembra addirittura che in Australia siano già arrivati alla soluzione.. e servirà ancora un pò di tempo perché un vaccino, per avere efficacia, deve passare una grande serie di test e ci vuole ovviamente del tempo… Ma alla fine arriverà e sarà possibile debellare completamente questo coronavirus.

Ma veniamo a quella che è stata un pò la polemica.. sempre lui il virologo Burioni ha detto che è il 20% dei casi sono gravi rispetto a quanti contagiati, mi sono un pò impaurito e questa cosa onestamente mi ha destabilizzato ma alla fine molti virologi hanno precisato che è vera in parte, questa affermazione, perché il 20% dei casi magari si ritrova con una polmonite, ma molto spesso sono polmoniti molto leggere.
I casi gravi, sono solo il 4% ovvero quelli che finiscono rianimazione, e sono spesso quelli con patologie pregresse o persone di età molto avanzata.

Si può dunque affermare che Il coronavirus è paragonabile ad una brutta influenza, perché ricordatevi bene che la stessa influenza non va considerata come una malattia banale… ogni anno muoiono moltissime persone per colpa proprio dell’influenza e ve ne parlo a breve.

Leggevo un articolo molto interessante dove Roberta Villa, che è una giornalista scientifica molto brava, nel quale diceva che sono 3 le cose da non sottovalutare con questo Virus che sta attaccando anche l’italia:


La prima è quella che il coronavirus si diffonde in modo rapidissimo.
La seconda è che si trasmette anche quando il paziente che ne è infetto non ha sintomi.
La terza che come tutti sappiamo non esiste ancora un vaccino.


Ma riallacciandomi a quel virologo che aveva risposto alle domande banali di bambini..
ve ne voglio riferire alcune.. magari che possono interessare un pò tutti..

Come prima cosa risponde alla domanda di quale sia l’origine dell’infezione da coronavirus
E la sua risposta è chiara, ovvero ha avuto origine dai pipistrelli in modo semplice e banale.. ovvero un contatto tra animali vivi e persone e dunque così è passato all’uomo.
Ovvio che per noi occidentali è difficile capire come sia possibile una cosa del genere.. ma nel sud est asiatico in molte città vengono venduti gli animali vivi, e questa cosa viene fatta nei comuni mercati e il contagio è stato casuale, pipistrelli infetti venuti accidentalmente a contatto tramite i loro escrementi.

Poi hanno affrontato il problema bambini, sono meno colpiti rispetto agli adulti, quantomeno quelli sotto i 15 anni.
anche perché è scritto e si legge ormai un pò ovunque, che uno più giovane è, più ha un sistema immunitario efficace, e sicuramente i sintomi saranno più blandi.. solo tosse e un po’ di naso chiuso e fine.

Allora da quello che dicono tutti i virologi e anche Pregliasco, in questa intervista,
la stragrande maggioranza di chi è stato infetto sta guarendo o comunque ha un decorso positivo.
Come vediamo anche nei casi in Italia quelli più gravi sono i più anziani, perché esempio la polmonite causa un peggioramento delle loro condizioni, essendo un virus cattivo, entra nei polmoni, negli alveoli, non si limita a fermarsi solo alla gola e alle altre alte vie aeree e dunque le persone di età avanzata non potendo vaccinarsi a questo tipo di virus sono i più a rischio.

Poi si sente parlare di Pandemia una parola che fa venire un pò i brividi.. almeno a me..
Il virologo ci spiega che il coronavirus è un virus nuovo e proprio perché è nuovo tutta la popolazione mondiale non ha anticorpi, non ha protezione come succede per le altre classiche l’influenze, il ciò significa che il timore che l’infezione si trasformi in pandemia, non può essere esclusa anche se la malattia di per se non è gravissima.

Il problema sta proprio nella facilissima trasmissione e quindi se non vengono attuate misure di salvaguardia e di restrizione del virus si parlerà di pandemia, ovvero una situazione in cui tutto il mondo in modo massivo è colpito da un virus nello stesso momento.

Ovvio come avrete sentito dire in questi giorni bisogna lavarsi spesso e bene le mani con acqua e sapone per eliminare lo sporco ma anche i batteri e i virus che si incollano alla pelle.

Dunque, appena rientrate a casa magari se avete preso mezzi pubblici, o per i ragazzi e i bambini dopo l’intervallo a scuola, prima di rientrare in classe, è sempre importante lavarsi le mani.

La situazione è senza dubbio seria, e abbastanza allarmante.. il contagio sicuramente si propagherà ancora.. ad ora non sappiamo nemmeno di quanto.. fino ad arrivare ad un picco massimo.. e poi inizierà come già sta facendo in Cina a scendere nei contagi..
Non sappiano con tutta onestà cosa ci aspetta.. dubbi ai quali non mi sò rispondere, onestamente me ne vengono.. vi faccio un esempio.. stupido..
Le istituzioni giustamente isolano Lodi e le città con i focolai attivi.. chiuse le scuole gli impianti sportivi.. rinviati tutti gli eventi sportivi compreso il campionato di serie A di calcio, della Lombardia del veneto del piemonte etc..
Perfetto giustissimo! evitiamo di tenere a contatto il più possibile le persone e infatti già sabato pomeriggio qualche partita esempio di serie B è stata rinviata e non giocata mi sembra a Cremona(ovviamente).. ma.. e dico ma.. sempre sabato scorso si gioca dalle mie parti Fiorentina Milan e ci sono 4000 tifosi del milan nel settore riservato agli ospiti.. all’Artemio franchi a Firenze.. ma in quel settore ci sono tantissimi residenti in toscana magari in liguria o in emilia romagna ovviamente tifosi del milan, insieme a residenti in lombardia magari anche che arrivavano dalle parti dove ci sono i focolai.. ecco e allora? quella serata li, come la si controlla? ecco questo davvero mi sfugge.. sicuramente ci saranno delle risposte ma io non so dove cercarle..

Tornando al virus, ve lo ripeto le complicanze respiratorie sono conseguenze abbastanza comuni di questo tipo di virus.. e molto spesso colpiscono soggetti anziani o che presentano altre patologie già presenti: diciamo che al momento che sto raccontandovi questa cosa tutti i decessi di questi giorni hanno interessato persone con queste caratteristiche e, in questo momento, se si leggono tutte le statistiche delle morti causate dal COVID 19 sono paragonabili a quelle di ogni inverno che fa la comune influenza.

Ormai ci sono vi sollevo un altro mio dubbio.. al momento sono più di 80.000 i casi accertati di contagio nel mondo… bene il mondo ha 7,5 miliardi di abitanti.. la cina da sola ne ha 1.4 miliardi… dunque facciamo conto che come sembra i contagi in cina siano 78000 la percentuale è davvero bassissima tra abitante e contagiati.. tipo 0,005% se poi lo paragoniamo alla media italiana.. ora siamo a 370 contagi in italia.. su 61 milioni la percentuale è ovviamente un dato diverso o meglio adesso siamo circa allo 0.003% per arrivare ai livelli della cina dovremo stabilizzarci sui 700 contagiati.. più o meno, conti alla mano.. e dunque visto che noi abbiamo preso le precauzioni molto prima di loro.. anche meno.. se poi si supereranno questi numeri c’è qualcosa che non torna… e che non quadra.. come non mi quadra che città come Londra, Parigi.. Barcellona abbiano praticamente pochissimi contagi… come è possibile..??? insomma qualcosa non è chiara…
Certo è che noi saremo un popolo sempre esagerato quando facciamo le cose ma noi registriamo i contagi in modo precisissimi e soprattutto sottoponiamo moltissimi ai controlli.. e dunque i contagiati escono per forza fuori.. e gli altri? fanno lo stesso?? vabbè dai meglio mi fermi il resto lo lascio concludere a ognuno di voi…

Ho sentito una intervista a Sky TG24 sempre del virologo e ricercatore all’Università Statale di Milano Fabrizio Pregliasco che «La letalità di questa malattia è bassissima. ed è inferiore, a quella dell’influenza…
Va collocata nelle malattie inerenti le cosiddette infezioni respiratorie acute che vediamo con le influenze ogni inverno».
E allora (perdonatemi ma a me lui piace tantissimo) ci dice che è giusto stare attenti perchè adesso il vero problema è l’espandersi del contagio, ma non dobbiamo farsi prendere dal panico.
 Fa anche un rapporto numerico si esatto… i numeri parlano di mortalità per un paziente su mille.
Come avrete letto sicuramente come ho letto io, e condiviso moltissime volte da persone e persone, navigando su facebook o twitter le parole rassicuranti le ha dette Maria Rita Gismondo, che è il direttore responsabile di Macrobiologia Clinica e Virologia del laboratorio dell’Ospedale Sacco di Milano, ovvero la prima struttura italiana che si è trovata a gestire l’emergenza coronavirus e che analizza centinaia di campioni per determinarne i contagi… insomma non una qualunque.. e lei cosa dice in un suo post di qualche giorno fa??

«Leggete! Non è pandemia! Durante la scorsa settimana la mortalità per influenza è stata di 217 decessi al giorno! Per Coronavirus 1!!!» ha scritto su Facebook, e ha anche invitato anche i media ad abbassare i toni dicendo che si sta scambiando «un’infezione appena più seria di un’influenza» per una pandemia.

Dunque prima di chiudere riepiloghiamo che i sintomi sono facilmente scambiabili con quelli di un’influenza classica: febbre, tosse, difficoltà respiratorie.
Poi nei casi più gravi, questa infezione può causare polmonite, sindromi respiratorie acute e gravi, insufficienza renale e persino e purtroppo ovviamente la morte.

Allora le precauzioni per evitare il contagio sono ovviamente evitare il contatto con chi si è già ammalato, ma non ci prendiamo per i fondelli con questa cosa, perchè come s’è visto non sempre i sintomi sono evidenti e dunque occorre prendere il più possibile delle precauzioni.

che vi faccio vedere in questa slide che ha diffuso il Ministero della Salute con le 10 regole:

1 – Lavati spesso le mani

2 – Evita il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute

3 – Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani

4 – Copri bocca e naso se starnutisci o tossisci

5 – Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che non siano stati prescritti dal medico

6 – Pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol

7 – Usa la mascherina solo se sospetti di essere malato o assisti persone malate

8 – I prodotti MADE IN CHINA e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi

9 – Contatta il numero verde 1500 se hai febbre o tosse e sei tornato dalla Cina da meno di 14 giorni

10 – Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo coronavirus


POi ci sono i NUMERI UTILI per chiunque presenti dei sintomi riconducibili al coronavirus (ovvero come vi ho appena detto i più comuni: febbre, tosse, difficoltà respiratorie) non deve presentarsi al Pronto Soccorso ma segnalare la propria condizione contattando uno dei numeri attivati proprio per gestire l’emergenza: 112 o 1500.


Bene chiudo con un semplice saluto e un abbraccio (tanto da qui ce lo possiamo dare) giusto per drammatizzare un pò… speriamo che la situazione si risolva presto anche se mi sa che il percorso per la soluzione e il pregresso dei contagi non sarà quì subito dietro l’angolo..

ciao a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo Blog utilizza strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.